7 agosto 2011

I miei primi cookies.



Finalmente la mia casa ha trovato un po' di pace. La camera è stata imbiancata a dovere, l'armadio è al suo posto e dentro c'è spazio per tutto. Mai avuto tanto spazio per me. I mobili ricollocati in maniera diversa, il letto è da un'altra parte e questo mi fa pensare a un gioco di tanti anni fa. Quando mia mamma veniva colta da quei tipici irripetibili momenti che solo una donna può capire, ci spostava i mobili della cameretta e io e mia sorella provavamo la magica sensazione di abitare in una casa nuova, di dormire in nuovo letto. 
Così ci voleva qualcosa che mi restituisse in bocca lo stesso sapore e ho sfornato dunque i miei primi cookies.

Naturalmente ricetta americana, lievito americano. E così ho tirato fuori il baking powder, il lievito americano che a Roma si può trovare dal mitico e insostituibile Castroni. Mentre per la conversione delle unità di misura ho trovato i misurini da Ikea. Comunque vi passo la ricetta sia con le unità originarie che convertite.

Ieri sera, dopo sei ore di duro lavoro per ridare un volto all'accampamento in cui ormai vivevamo (e non è ancora finita...) mi sono sdraiata sul divano, ho messo su una puntata dei Griffin e mentre mangiavo cookies dal barattolo dei biscotti con gli occhi fissi alla TV pensavo a una scena di quelle del tipo Una mamma per amica e mi sono detta: mi sento proprio una ragazza americana...
Magia del cambiamento...


ingredienti
1 cup di burro (180 g)
1 cup di zucchero semolato (200 g)
2 cups di farina oo (220 g)
2 cups di farina d'avena (220 g) o 2,5 cups di fiocchi da macinare
2 uova
mezza stecca di vaniglia
1 tsp di sale (un cucchiaino)
1 tsp di bicarbonato (un cucchiaino)
1 tsp di baking powder (o un cucchiaino di lievito per dolci)
250 g di cioccolato fondente tagliato grossolanamente
100 g di cioccolato grattugiato o un cucchiaio di cacao amaro in polvere

Lavorare il burro con lo zucchero e aggiungere i semini neri prelevati dalla mezza stecca di vaniglia.  Aggiungere le uova e amalgamare bene. Unire le farine, il bicarbonato, il lievito e il sale. Infine il cioccolato grattugiato e quello in pezzi. Preriscaldare il forno a 200-220° C e foderare la teglia con carta da forno. Formare con l'impasto delle palline grandi più o meno come quelle da golf e disporle a una distanza di 5 cm le une dalle altre. Cuocere per circa 10-12 minuti.

4 commenti:

noake ha detto...

nonostante abbia vissuto per molto tempo in un paese che fu colonia inglese,non mi sono mai riuscita ad abituare agli spoons e alle cups...1 tazza di burro????come fa ad essere pecisa..grazie per la conversione, vorrei farli perchè sembrano proprio quelli che facevamo per dolce:due biscotti uniti dal gelato vaniglia...buonissimi!!!!

Valentina ha detto...

noake, grazie a te per il tuo ricordo così bello e buono, voglio provarli anch'io col gelato alla vaniglia! un abbraccio :))

Lo ha detto...

Ecco perché non mi venivano mai ogni volta che cercavo di fare la merenda americana con mia sorella da piccole...il burro!!!
grande Vale, proverò con la tua ricetta ma senza l'aiuto di castroni per ora
baci grandi che volano lontano!

noake ha detto...

se ti va guarda la nostra prima videoricetta...ne sarei felicissima

http://www.youtube.com/watch?v=kPiSNgSSkXo&feature=player_profilepage

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...