7 novembre 2012

Passatina di ceci, quella buona mangiata a Monti.



Accade a volte che da questo diario, intimo e condiviso allo stesso tempo, si esca fuori, nel mondo reale, a incontrare persone. Accade che si stringano amicizie e che certi luoghi della città diventino uno spazio per condividere sentimenti.
E' così che un sabato mattina di settembre mi sono trovata a passeggiare a Monti, rione storico di Roma, per incontrare Serena, la signorina pici e castagne.
C'era ancora caldo e in Via Urbana poche persone. Vedermela davanti è stato come incontrare l'amica di banco del liceo: una persona che mi sembrava di conoscere da tempo, un accento toscano immaginato che si rivela vero appena ci salutiamo. E un sorriso che gli illumina tutto il viso, sbarazzino coi capelli corti.
Ho scoperto di avere di fronte una ragazza piena di amore per le cose belle e buone e una gran conoscitrice di questa città che è ancora tanto inesplorata per me. Del resto mi ha invitata a mangiare in un posto che mi ha fatto sentire piena di stupore. Lì abbiamo potuto curiosare e parlare e gironzolare tra piante aromatiche, attrezzi da giardino, oggetti dei desideri e spezie e sali. Il posto si chiama Aromaticus e Serena ha fatto molte belle foto che potete vedere nella sua pagina dedicata al nostro incontro. 
Abbiamo anche mangiato, of course! Io non potevo non replicare ai miei fornelli una delle cosette speciali che preparano lì: una passatina di ceci arricchita con pomodorini secchi ( e a casa ne ho un barattolo regalato dalla mamma di Tonino, fatti da lei quest'estate al sole di Calabria), pancetta croccante e triangoli di pane carasau fritto.
Dovendola condivedere con un vegetariano, in quella di casa è sparita la pancetta croccante (sob, grande inconsolabile perdita) e ho sostiuito il pane carasau con tortillas di mais, così abbiamo eliminato pure il glutine (ma dove mi porteranno, questi salutisti??).
E per dirla tutta, mi sono pure decisa a pubblicarla su invito del mio amico Giuliano, che giustamente m'ha fatto notare che su queste pagine spuntano solo carboidrati! 
A proposito, sono molto felice in questo periodo del fatto che molti miei amici mi abbiano 'scoperta', visto che la mia timidezza mi porta pure a non parlare quasi mai del blog, pensando che non importi a nessuno! Grazie amici cari...:)


ingredienti
450 g di ceci già bolliti
1 patata (facoltativa)
mezzo litro di brodo vegetale
8-10 pomodorini secchi
una tortillas di mais ( o piadina, o pane carasau)
sale
olio e.v.o. + olio di mais se si vuole friggere la tortillas

Cuocere a fuoco lento i ceci e, se si vuole, una patata tagliata in pezzi in mezzo litro di brodo vegetale e un po' di sale. Quando il brodo sarà quasi asciutto (circa 20 minuti), togliere dal fuoco e passare al minipimer. Condire con un filo di olio a crudo e versare nelle ciotole. Aggiungere i pomodorini  secchi tagliati a metà e la tortillas tagliata in triangoli. Se si vuole, si possono friggere i triangoli per pochi secondi in olio di mais prima di finire in ciotola.

12 commenti:

simona ha detto...

Vale carissima allora dobbiamo assolutamente organizzare una bella rimpatriata! anch'io ho incontrato Serena proprio un paio di settimane fa! in occasione di un evento:) bellissima persona, simpatica e dolcissima.. sono felice che abbiate trascorso una bellissima giornata insieme.. mi ero persona il racconto della pici per l'occasione! Mi pare giusto ricordare i bei momenti replicando piatti golosi come questa passatina di ceci.. super comfort e super golosa! la coccola che ci vorrebbe proprio stasera:) ti abbraccio cara mia e ti auguro una felice serata:*

ChamilitosHome ha detto...

Che bella cosa questa, Vale!, sono felice per te e per Serena.
Un bacione carissima e buona settimana!

Valentina ha detto...

*simona, davvero? ma allora sì, vediamoci per una uscita culinaria o per due chiacchiere soltanto o per la spesa al mercato...insomma, noi foodblogger abbiamo mille motivi per incontrarci ed io sarei molto felice di conoscerti! :*
*romina, potessi viaggiare mi piacerebbe incontrarvi tutte! baci, tanti. :)

Vale - SaleQuBi ha detto...

oh che invidia..avrei tanto voluto esserci anche io.. ;_;

Valentina ha detto...

*vale, io da quando so delle ciccine non faccio che pensarci...chi sa se un giorno ci si riesca a incontrare io e te e magari pure le galline! chi sa, magari! :*

Ilenia ha detto...

Ma che bella ricetta, soprattutto per chi adora i ceci come me! Ti auguro un vero "comfort weekend" :) un abbraccio!

Valentina ha detto...

*ilenia, adoro i comfort weekend! grazie, un bacio grande e buon comfort we anche te. :)

Laura ha detto...

Ciao Vale, che bello il tuo articolo!In tutto quello che racconti dell'incontro con Serena io rivivo il piacere del nostro pomeriggio passato insieme!Qui tocca replicare al più presto!!!!Intanto segno questa ricetta mooolto interessante cara!Un bacio gigante!

Valentina Masocco ha detto...

*laura, per me il nostro è stato un pomeriggio così speciale che mi sono portata dentro un senso di felicità. davvero rivediamoci presto. questa settimana parto per londra per qualche giorno, ma poi ti scrivo appena torno. ora devo risolvere un problema grosso col blog, sto cercando di recuperare tutte le foto, tutto il blog. sono affranta, poi ti spiego.

simona ha detto...

Ci conto tesoro!! ps ma tu non sei su fb?

la signorina pici e castagne ha detto...

ma noooo l' hai rifatta!!!!!! ahah... troppo brava..
ti voglio bene Vale, al di là di tante parole, passatine e annusatine alle piante aromatiche.
sei una persona speciale per me, ma sono sicura che lo sanno anche tutte le signorine che ti leggono e ti seguono qui.
bella, solare, sempre sorridente che mi chiedo come mai non ci siamo incontrate prima :O))))))))))

Valentina ha detto...

*serena, da rifare al più presto! intendo sia la passatina che un'oretta tra di noi. mi manchi!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...